Un libro contro le frontiere, soprattutto quelle mentali

Così Cinzia Marchesini, autrice del libro “La storia di Caterina – Le quattro stagioni”, ama definire il suo racconto.

Una favola, per tutte le età, adatta ai bambini e non solo… è la storia di un magico incontro, quello tra una giovane donna, Caterina e una piccola bimba,  Mareluna.”

Marchesini Cinzia nasce a Verona, vive a S. Martino Buon Albergo, insieme al marito, due figli e due pelosi

Circa tredici anni fa ho scritto questa storia, non avevo pensato ad un libro per bambini… L’Editore, tuttavia, ne ha colto l’aspetto fiabesco e ha dato al libro una veste grafica adatta ai più piccoli” racconta l’autrice.

La storia di Caterina”  si svolge in un anno, intervallata dalle stagioni, con i loro colori, profumi, sapori e feste. In questo anno il legame tra Caterina e Mareluna diventa indissolubile, il legame di una mamma e di una figlia. Attorno alle protagoniste ruotano diversi personaggi che rendono la loro vita protetta, allegra e felice.

Il paese di Caterina e Mareluna è il paese dove tutti vorremmo vivere” continua l’autrice “Caterina è consapevole che la felicità è data dalle piccole cose, dal sapore di una pesca matura gustata sotto la pianta, dal ritorno delle rondini a primavera, da una litigata con Strega Matilde, da una festa di Carnevale presso l’Istituto dei bimbi sperduti”.

L’autrice continua il suo racconto spiegando le motivazioni che l’hanno spinta, nonostante le numerose difficoltà (più di dieci anni per trovare un editore), a continuare a credere in questo libro:

Questa favola oggi è più attuale di quando l’ho scritta. Se tutti, come Caterina, potessimo vedere negli occhi di un bimbo qualsiasi, gli occhi di un figlio, molte catastrofi che avvengono per mano di noi uomini non esisterebbero. In un periodo dove la tendenza è quella di costruire muri, il mio libro ha l’ambizione di abbatterli”.

Una storia che emoziona adulti e piccini, raccontata con semplicità, ma con l’ambizione di smuovere le coscienze e di riuscire  a cambiare il mondo.

Scopri di più: CLICCA QUI!

1 Comments

  1. Grazie di ❤️

Lascia un tuo pensiero...